anima bella


Un lavoro che si fonda sull’applicazione di un metodo progettuale collaudato da Superuse Studios: quello della “harvest map”.
Una mappatura del territorio alla ricerca degli scarti e dei flussi di dismissione dei materiali.
Una selezione dei materiali individuati in base alle potenzialità del materiale stesso.
Un progetto, non premeditato, che nasce dalla riflessione sulle possibilità offerte da un materiale che non é stato scelto, ma trovato: qualche sacco di vecchi vestiti.
Un materiale che scandisce una memoria, i segni dell’uso dei suoi antichi proprietari.
Intessendo gli abiti appartenuti al paese gli studenti costruiscono textures: intessono una relazione con il paesaggio,e con chi quel paesaggio lo ha abitato e lo abita ancora…

PICNIC AL TEMPIO 5 – Costruire Textures – San Michele di Ganzaria, Sicilia, maggio 2009
Materiali: vestiti dismessi, canne di bambú, spago
Con: Superuse Studios, Studio Nowa



Comments are closed.